Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 April;140(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 April;140(2):133-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 April;140(2):133-8

lingua: Inglese, Italiano

Potenziale terapeutico della ciclosporina nel lichen amiloidosus

Guarneri C., Lapa F., Cannavò S. P.

Unit of Dermatology Department of Community Social Medicine, University of Messina, Messina, Italy


PDF  


Potenziale terapeutico della ciclosporina nel lichen amiloidosus.
Il lichen amiloidosico è una amiloidosi cutanea, caratterizzata da papule ipercheratosiche, pruriginose, tipicamente localizzate alle superfici pretibiali, a eziopatogenesi a tutt’oggi incerta.
Gli Autori presentano il caso di un paziente di 60 anni, affetto da lesioni papulose confluenti in placche, localizzate al terzo inferiore delle gambe e caratterizzate da incoercibile prurito, resistente a svariate terapie (corticosteroidi topici, anti-istaminici e psicolletici per via orale). L’ipotesi diagnostica di lichen amiloidosico è stata confermata dall’esame istologico e, dopo un breve e inefficace trattamento topico con etretinato, il paziente è stato sottoposto a terapia con ciclosporina A per os, alla dose iniziale di 3 mg/kg/die, con significativa riduzione del prurito e miglioramento della obiettività cutanea.
Alla luce di tale esperienza, conforme a un altro caso già descritto in Letteratura, gli Autori propongono la ciclosporina A come farmaco utile per il trattamento del lichen amiloidosico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail