Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 February;140(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 February;140(1):15-25

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 February;140(1):15-25

lingua: Inglese, Italiano

L’epiluminescenza nella pratica clinica ambulatoriale: accuratezza diagnostica ed utilità del monitoraggio videodermatoscopico

Broganelli P. 1, Chiaretta A. 1, Sacerdote C. 2, Pippione M. 1

1 Dermatology Clinic II, Department of Biomedical Science University of Turin, Turin, Italy
2 Unit of Cancer Epidemiology S. Giovanni Battista Hospital, Turin, Italy


PDF  


Obiettivo. Valutare la sensibilità, la specificità e l’accuratezza dell’epiluminescenza (ELM) nel distinguere le lesioni melanocitiche da quelle non melanocitiche e nel diagnosticare i melanomi all’interno delle lesioni melanocitiche nell’ambito della pratica clinica ambulatoriale. Valutare inoltre l’utilità del follow-up dermatoscopico nell’individuare eventuali falsi negativi.
Metodi. I dati riportati fanno riferimento alla pratica clinica ambulatoriale condotta nel quinquennio 1998-2002. Si sono osservate in ELM 27 885 lesioni cutanee pigmentate (melanocitiche e non melanocitiche) reputate sospette secondo parametri clinico-anamnestici, in 10 974 pazienti. Di queste 735 (2,64%), per presenza di atipie dermatoscopiche significative, sono state sottoposte ad exeresi ed esaminate istologicamente. Per le altre lesioni si sono programmati follow-up a distanza di alcuni mesi indicativamente a 3-6-12 mesi.
Risultati. L’ELM ha mostrato una accuratezza del 98,76% nel distinguere le lesioni melanocitiche da quelle non melanocitiche, una sensibilità del 92,59%, una specificità del 98,11% ed un’accuratezza pari al 84,75% nel distinguere i melanomi rispetto alle altre lesioni melanocitiche (non melanomi). Gli errori diagnostici sono stati rivalutati alla luce della diagnosi istologica (considerata comunque il gold-standard).
È stato possibile effettuare il monitoraggio videodermatoscopico solo su 17 253 lesioni delle 26 089 programmate con una mancata compliance nelle restanti 8 836 (33,87%). Ottantacinque lesioni (0,49% delle lesioni rivalutate al follow-up) presentavano modificazioni ritenute sostanziali (comparsa di parametri di sospetto all’ELM e/o incremento dimensionale) al follow-up dermatoscopico eseguito a distanza di 3-6 mesi dalla prima osservazione. Tali lesioni sono state pertanto sottoposte ad exeresi chirurgica, permettendo di individuare 6 melanomi (massimo spessore 0,4 mm).
Conclusioni. Secondo la nostra esperienza, è possibile migliorare l’accuratezza diagnostica associando la valutazione clinica e quella dermatoscopica. La rivalutazione delle lesioni non escisse a breve distanza attraverso immagini sequenziali e standardizzate, consente di individuare eventuali modifiche morfo-evolutive che, in 6 casi (0,035%) hanno permesso di rivelare i falsi negativi. Questo approccio diagnostico ci ha inoltre consentito di limitare il numero di “exeresi cautelative” soprattutto nei soggetti portatori di numerosi nevi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail