Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 Dicembre;139(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 Dicembre;139(6):547-53

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 Dicembre;139(6):547-53

 NOTE DI TERAPIA

Efficacia e tollerabilità di un prodotto per uso topico contenente acido lattico al 5% e glicole propilenico al 20% nelle cheratodermie palmo-plantari e nella xerosi secondaria a eczema cronico

Amato L., Chiarini C., Berti S., Fabbri P.

Department of Dermatological Sciences University of Florence, Florence, Italy

Obiettivo. Scopo di questa ricerca è stato quello di dimostrare l’efficacia e la tollerabilità di un nuovo prodotto per uso topico dermatologico composto da una miscela di lipidi associata ad acido lattico al 5% e glicole propilenico al 20% (Osyra®, Yamanouchi Pharma S.p.A.) in 2 patologie: le cheratodermie palmo-plantari e la xerosi conseguente a eczemi cronici.
Metodi. Oggetto del nostro studio sono stati 30 pazienti (17 di sesso femminile e 13 di sesso maschile di età compresa tra i 30 e gli 82 anni): 12 presentavano una cheratodermia palmo-plantare e 18 una xerosi conseguente a un eczema cronico. Le sedi di applicazione del prodotto erano rappresentate dalle aree colpite dalla patologia e il preparato in esame è stato applicato 2 volte al giorno. Sia all’inizio del trattamento (T0) che dopo 30 giorni (T30) sono stati valutati i seguenti parametri clinico-morfologici: secchezza, ruvidità, desquamazione, ragadi e ipercheratosi. A ciascuno di questi parametri clinici è stato attribuito un punteggio da 1 a 3 in rapporto alla gravità (0=assente; 3=grave). I risultati dell’indagine corneometrica, eseguita con corneometro CM 420, sono stati espressi in valori di capacitanza e sono stati esaminati a tempo 0 (T0) e dopo 30 giorni (T30). La capacitanza è stata valutata come media di 3-4 determinazioni in ciascuna sede cutanea.
Risultati. La valutazione di alcuni parametri clinico-morfologici documenta nella cheratodermia palmo-plantare, al termine di 30 giorni di trattamento, una significativa riduzione dell’ipercheratosi, della secchezza, della desquamazione, delle ragadi e della ruvidità. Nella xerosi secondaria a eczema cronico il trattamento con il prodotto topico in esame ha dimostrato una notevole riduzione sia della secchezza che della ruvidità della cute; anche la desquamazione era notevolmente ridotta.
Conclusioni. Questi risultati sono stati confermati dalle indagini corneometriche che hanno documentato un significativo aumento dell’idratazione dello strato corneo.
Riteniamo che queste attività siano correlate alle specifiche attività farmacologiche dell’acido lattico associato al glicole propilenico, quali la cheratolisi, l’idratazione, il ripristino della barriera lipidica e la stimolazione della neo-angiogenesi.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina