Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 Dicembre;139(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 Dicembre;139(6):541-6

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REWIEWS  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 Dicembre;139(6):541-6

lingua: Inglese

La dermatoscopia nelle lesioni pigmentate

Kittler H.

Division of General Dermatology Department of Dermatology University of Vienna Medical School, Vienna, Austria


PDF  ESTRATTI


Il presente lavoro tratta della dermatoscopia, una metodica non invasiva, eseguita in vivo che può essere utilizzata nella diagnosi di una grande varietà di patologie dermatologiche. Questa review riassume i seguenti aspetti: gli attuali strumenti utilizzati, i criteri diagnostici in dermatoscopia, fondamentali nella diagnosi delle lesioni pigmentate della cute, gli algoritmi diagnostici e l’accuratezza diagnostica della metodica. In conclusione la dermatoscopia, rispetto alla diagnosi visiva, è una metodica diagnostica utile e non invasiva per le lesioni pigmentate della cute. È necessaria una certa pratica nell’utilizzo di questa metodica e non viene raccomandata a operatori non esperti. La dermatoscopia digitale è utile come tecnica di valutazione aggiuntiva nel follow-up dei nevi melanocitici. Anche se la diagnosi computerizzata delle immagini dermatoscopiche è risultata accurata in studi sperimentali, non può sostituire il dermatologo nelle diagnosi dei melanomi.

inizio pagina