Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 October;139(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 October;139(5):449-54

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

REVIEWS  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 October;139(5):449-54

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

La tecnologia digitale in dermatologia

Andreassi L. 1, Rubegni P. 1, Burroni M. 1, Dell’Eva G. 2, Fimiani M. 1

1 Section of Dermatology Department of Clinical Medicine and Immunological Sciences University of Siena, Siena, Italy, 2 Legatumori Senese, Siena, Italy


PDF  


Poiché il melanoma cutaneo in fase avanzata risulta a tutt’oggi incurabile, un importante obiettivo nel tentativo di ridurne la mortalità è rappresentato dalla diagnosi precoce. Negli ultimi anni, allo scopo di migliorare l’accuratezza diagnostica, soprattutto nei casi di lesioni pigmentate cutanee di difficile interpretazione diagnostica, si sono sviluppate tecniche diagnostiche non invasive come la dermoscopia o epiluminescenza. Tuttavia la valutazione qualitativa delle molteplici caratteristiche morfologiche osservabili per mezzo di tale metodica, è senza dubbio molto complessa e soprattutto soggettiva. Allo scopo di ovviare a tali problemi interpretativi, sono stati recentemente sviluppati metodi, quali l’analisi dermoscopica digitale, basati sull’analisi matematica delle lesioni pigmentarie osservate in epiluminescenza. Tali metodiche, che si avvalgono della analisi computerizzata di immagini digitalizzate, hanno aperto nuovi orizzonti in questo campo. Infatti poter usufruire di dati numerici relativi alla morfologia delle lesioni pigmentate cutanee permette una loro descrizione oggettiva. Tali metodiche non solo sono importanti nel campo della diagnosi assistita, ma anche in quello della ricerca e dell’insegnamento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail