Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 Giugno;139(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 Giugno;139(3):155-64

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 Giugno;139(3):155-64

lingua: Inglese, Italiano

Helicobacter pylori e rosacea. Una revisione sistematica della letteratura

Repetto M., Rebora A.

Department of Dermatology, University of Genoa, Genoa, Italy


PDF  


Obiettivo. Il possibile ruolo di Helicobacter pylori nella rosacea è stato suggerito dalla frequente associazione della rosacea con disturbi gastrici e dall’attività ben nota del metronidazolo orale sia nella rosacea che nell’infezione da H. pylori. Inoltre, molti e diversi antibiotici, come tetracicline e macrolidi, sono ugualmente efficaci in entrambe le condizioni. Tale possibile associazione è stata oggetto di numerosi lavori dai risultati contrastanti. L’obiettivo di questo lavoro era stabilire se H. Pylori è più frequente nei pazienti con rosacea che nella popolazione generale.
Metodi. È stata usata la strategia di ricerca standard della Cochrane Collaboration Group on PubMed MEDLINE®, ISITRIAL e sono stati letti i giornali dermatologici e i resoconti dei congressi. Sono stati presi in considerazione solo gli articoli scritti in inglese. Tutti gli studi inclusi presentano una popolazione di controllo. I casi anedottici e non controllati sono stati esclusi. I soggetti inclusi erano pazienti con rosacea. La presenza di infezione da H. pylori veniva accertata sia tramite diversi metodi di analisi eseguiti su prelievi bioptici gastrici (coltura, test rapido all’ureasi e istologia con il metodo di Wathin- Starry), sia con 13C-urea breath test e la sierologia. Due revisori hanno esaminato la validità e la qualità degli studi. L’analisi è stata condotta usando Metaview in RevMan 4.1 per effetti random. Dieci studi sono stati inclusi.
Risultati. L’odds ratio per l’assenza di infezione di H. pylori nei controlli era 2,22 (intervallo di confidenza al 95% 1,74-2,83). L’eterogeneità era comunque altamente significativa.
Conclusioni. I pazienti con rosacea hanno verosimilmente una maggiore probabilità di sviluppare un’infezione da H. pylori rispetto ai controlli, ma i futuri ricercatori dovrebbero porre maggiore attenzione all’omogeneità degli stadi della rosacea, ai partecipanti e ai metodi usati per rilevare l’infezione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail