Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 February;139(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 February;139(1):47-65

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

REVIEWS  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2004 February;139(1):47-65

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Dermatologia e sport

Bonamonte D.

Section of Dermatology, Department of Internal Medicine Immunology and Infectious Diseases University of Bari, Bari, Italy


PDF  


Accanto agli innumerevoli effetti positivi, l’attività sportiva può causare problemi medico-chirurgici, in particolare di interesse ortopedico, neurologico, cardiologico e pneumologico. La medicina sportiva, tuttavia, presta scarsa attenzione alla patologia dermatologica, notevolmente varia e talora di seria importanza. La cute dell’atleta, infatti, viene esposta a svariati stimoli esogeni di tipo fisico-traumatico, chimico e biotico. Le affezioni cutanee legate alla pratica sportiva possono essere suddivise in 4 gruppi: 1) dermatosi da stimoli traumatici (un’ampia varietà di quadri clinici peculiari, provocati da un determinato gesto sportivo, fra cui callosità e lichenificazioni a sede e morfologia tipica, «orecchio a cavolfiore» nei lottatori, pseudocromidrosi plantare nei giocatori di basket, follicoliti cheloidee nei giocatori di football americano); 2) dermatosi da agenti chimici (alterazioni cutaneo-mucose e annessiali da cloro o rame nelle piscine, dermatiti da contatto e reazioni avverse a farmaci); 3) dermatosi da agenti biotici (infezioni virali, batteriche e micotiche; esposizione a imenotteri, lepidotteri e organismi acquatici); 4) dermatosi da fattori fisico-ambientali (affezioni indotte da freddo, caldo e raggi UV).
La diagnosi delle dermatosi provocate dallo sport verte sull’anamnesi dalle circostanze di comparsa dell’affezione e sull’esame clinico; è indispensabile interrogare i pazienti sulla disciplina sportiva praticata, sui gesti legati alla stessa, sui materiali e sull’abbigliamento sportivo e su tutto ciò che accompagna lo sport: cosmetici, filtri solari, medicamenti topici. A scopo preventivo è auspicabile una stretta collaborazione con medici dello sport, preparatori atletici e allenatori per meglio comprendere i meccanismi eziopatogenetici alla base delle molteplici affezioni legate alla pratica sportiva.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail