Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 December;138(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 December;138(6):469-74

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 December;138(6):469-74

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Uso di Cidofovir per via endovenosa nelle infezioni da HPV

Andreoli S. 1, Bachini L. 1, Pedrinazzi C. 1, Dal Canto L. 2, Cervadoro G. 1

1 Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia Università degli Studi di Pisa, Pisa 2 U.O. Farmacia Ospedale Santa Chiara, Pisa


PDF  


Obiettivo. Il Cidofovir è un farmaco fornito in fiale per uso ospedaliero endovenoso ed è registrato per la cura della retinite da Citomegalovirus resistente alle comuni terapie nei pazienti affetti da AIDS. Presenta un ampio spettro antivirale nei confronti di Herpesvirus (HSV 1-2, VZV, CMV, EBV), Adenovirus, Poxvirus e Papillomavirus. Il suo meccanismo d’azione consiste nel blocco selettivo della sintesi del DNA virale. Nel nostro studio abbiamo valutato l’efficacia di Cidofovir per via endovenosa nel trattamento dei condilomi ano-genitali.
Metodi. I 6 pazienti da noi finora presi in esame erano già stati sottoposti a terapie fisiche e/o farmacologiche convenzionali senza risultati soddisfacenti a lungo termine. In ognuno di essi, infatti, vi era stata recidiva delle lesioni a distanza di pochi mesi. Abbiamo seguito lo stesso protocollo terapeutico utilizzato per la cura della retinite da CMV, che prevede, per ciascun ciclo di trattamento, 4 infusioni da 5 mg/kg di Cidofovir ciascuna.
Risultati. In 2 dei pazienti trattati è stato sufficiente un solo ciclo di terapia per ottenere la completa risoluzione del quadro clinico; nei rimanenti casi si è avuta una notevole riduzione di numero e volume delle lesioni rendendosi necessario un 2° ciclo. Solo in 1 caso si è osservata ipospermia, risoltasi spontaneamente a distanza di 2 mesi dalla fine del trattamento; nei rimanenti casi non si è verificato nessuno dei possibili effetti collaterali descritti durante l’uso del farmaco (nefrotossicità, neutropenia) e, a distanza di 1 anno dalla fine del trattamento, in nessun paziente si è osservata recidiva.
Conclusioni. Lo studio presentato vuole sottolineare l’efficacia dell’utilizzo del Cidofovir per via endovenosa nella cura delle infezioni anogenitali da HPV.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail