Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 December;138(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 December;138(6):449-54

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEWS  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 December;138(6):449-54

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Capacità fotoprotettiva della cute: potenziamento con antiossidanti topici

Nino M., Santoianni P.

Dipartimento di Patologia sistematica Sezione di Dermatologia Università degli Studi «Federico II», Napoli


PDF  


L’esposizione solare e, in particolare, le radiazioni ultraviolette tra i 320 e i 400 nm costituiscono un importante fattore di rischio per lo sviluppo di epiteliomi, del melanoma cutaneo e per l’invecchiamento della pelle, anche se esiste interazione con fattori genetici.
Gli UV inducono eventi molecolari rappresentati essenzialmente dal fotodanno del DNA e dalla formazione delle specie reattive dell’ossigeno (ROS); inoltre, attraverso una cascata di alterazioni immunologiche, possono indurre modulazione e depressione della risposta immunitaria cutanea. Sono, d’altro canto, presenti effetti protettivi attivati dalla stessa radiazione e costituenti, con la partecipazione di numerosi e diversi fattori, una difesa naturale.
La capacità fotoprotettiva della cute comprende un insieme di sistemi endogeni interagenti tra di loro costituito da sistemi antiossidanti, da heat shock proteins (HSP), da alcune citochine, dal citocromo P450 e da altri elementi. Questo pool nel suo insieme provvede alla down-regulation e controllo degli effetti dell’UV. La maggior parte dei sistemi naturali di fotoprotezione diviene, tuttavia, insufficiente dopo intensa e prolungata esposizione UV. La fotoprotezione locale e eventualmente sistemica consente di potenziare tali sistemi di protezione naturale. Sono descritte le recenti acquisizioni in tema di capacità fotoprotettiva naturale della pelle e le possibilità per controllarla. Vengono presentati gli studi di fotoprotezione topica relativi a tocoferoli, derivati della cisteina, ascorbato, beta-carotene, taurina, e sistemi enzimatici comprendenti catalasi e superossidodismutasi e riportati i dati che dimostrano interdipendenza dei sistemi antiossidanti: un sistema antiossidante può essere modulato e potenziato cambiando un singolo parametro del pool. Gli studi su soggetti umani, anche se poco numerosi, risultano con interessanti prospettive di applicazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail