Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 October;138(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 October;138(5):419-424

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 October;138(5):419-424

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Granulomi anulari disseminati: efficacia della terapia con solfoni

Altomare G. F., Frigerio E., Capella G. L.

Istituto di Dermatologia Università degli Studi di Milano, Milano


PDF  


Viene descritto il caso di una paziente di 55 anni, affetta da una forma di granuloma anulare disseminato da oltre un anno. La malattia non risultava responsiva né ai corticosteroidi sistemici né alla ciclosporina A e non dipendeva neppure da una forma inveterata di ipotiroidismo legata a uno struma multinodulare, di cui pure la paziente soffriva. Solo le sedi palmoplantari erano risparmiate dalle lesioni papulonodulari confluenti in placche. Non si documentava nessun’altra alterazione. Il quadro istologico era quello di una dermatite dermica diffusa a cellule rotonde con rari accenni di organizzazione granulomatosa a palizzata. Il trattamento con 4,4’-diaminodifenilsolfone (DDS, 200 mg/giorno per 10 giorni, seguiti da 100 mg/giorno per altri 20 giorni) consentiva il conseguimento del successo terapeutico, con disinfiltrazione e tendenza alla risoluzione già al 10 giorno di terapia. Nessuna recidiva a 8 mesi dalla sospensione del solfone. Vengono discusse le diagnosi differenziali clinica e istopatologica del granuloma anulare disseminato, nonché le scelte terapeutiche più adeguate per il trattamento di questa rara e curiosa condizione. Vengono, inoltre, sottolineate le modalità di scelta pratica del trattamento nelle malattie rare e ostinatamente persistenti, nonché i criteri per la valutazione dei risultati clinici conseguenti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail