Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 October;138(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 October;138(5):385-97

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

REVIEWS  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 October;138(5):385-97

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Allergia al lattice della gomma. Attualità e prospettive future

Nettis E., Pinto L., Colanardi M. C., Ferrannini A., Tursi A.

Cattedra di Allergologia ed Immunologia Università degli Studi di Bari, Bari


PDF  


Il lattice è una linfa resinosa prodotta da una pianta, l’Hevea brasiliensis. Sino ad oggi sono stati identificati nel lattice più di 200 polipeptidi e circa 50 sono stati considerati aventi proprietà allergeniche. In particolare fra gli operatori sanitari, gli allergeni verso i quali si riscontrano maggiormente positività sono l’Hev b5 e l’Hev b7, mentre l’Hev b1, l’Hev b3, e ultimamente anche l’Hev b7, sono associati spesso con la spina bifida. La maggior parte degli studi sulla prevalenza della sensibilizzazione o allergia al lattice, focalizzano l’attenzione su due gruppi ben definiti: a) pazienti con anomalie congenite (specie con spina bifida 18-72%) b) operatori sanitari (2,8-12,1%). I quadri clinici delle reazioni avverse a manufatti di lattice sono rappresentati da : a) reazioni irritative, b) reazioni allergiche di tipo IgE mediate, e cellulo-mediate. La diagnosi di allergia a lattice si basa su indagini in vitro, attraverso il dosaggio delle IgE specifiche, ed in vivo attraverso skin prick test e test di provocazione (test d’uso e test di provocazione bronchiale). La prevenzione dell’allergia al lattice si propone di eliminare la possibilità di insorgenza dell’allergia al lattice in una popolazione di soggetti sani, e di evitare che i soggetti sensibilizzati e allergici vadano incontro a manifestazioni cliniche. L’unico provvedimento efficace preso a tal fine è la creazione di ambienti latex-free. Solo recentemente si è pensato all’uso dell’immunoterapia specifica per il lattice, tutt’oggi ancora in fase sperimentale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail