Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 Ottobre;138(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 Ottobre;138(5):377-83

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEWS  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 Ottobre;138(5):377-83

lingua: Italiano

Le immunoglobuline endovenose in dermatologia

Caproni M., Pestelli E., Fabbri P.

Dipartimento di Scienze Dermatologiche II Clinica Dermatologica Università degli Studi di Firenze, Firenze


PDF  


Le immunoglobuline endovenose rappresentano una nuova potenziale terapia per le disfunzioni del sistema immunitario. Gli ottimi risultati ottenuti hanno portato a utilizzare questa terapia in diverse malattie autoimmuni, quali l’anemia emolitica, il lupus eritematoso sistemico, la dermatomiosite e l’artrite reumatoide.
In dermatologia vengono utilizzate oer il trattamento delle dermatosi autoimmuni, quali le dermatosi bollose del gruppo del pemfigo e dei pemfigoidi, e più recentemente, anche nell’orticaria cronica autoimmune, nel pioderma gangrenoso e nella dermatite atopica.
I numerosi meccanismi immunomodulanti delle IgEv proposti, vengono discussi unitamente ai protocolli di trattamento e agli effetti collaterali. L’aumentato uso di questa terapia ha contribuito a determinare ottimi risultati, evitando gli effetti collaterali di altri agenti immunosoppressori.
Tuttavia, la maggior parte delle ricerche è limitata a casi clinici o trials non controllati. La dermatomiosite costituisce un’eccezione con un singolo trial che dimostra il suo ottimo effetto positivo.
In considerazione dell’elevato costo della terapia, dovrebbero essere eseguiti ulteriori studi allo scopo di poter meglio selezionare l’impiego di questa terapia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail