Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 August;138(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 August;138(4):341-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

NOTE DI TERAPIA  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 August;138(4):341-7

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Dimostrazione dell’attività emolliente e antinfiammatoria di un prodotto cosmetico contenente derivati della glycyrrhiza. Studio clinico nella dermatite da contatto (allergica e aggressiva diretta) e nell’eritrosi

Amato L., Berti S., Chiarini C., Coronella G., Fabbri P.

Clinica Dermatologica II Dipartimento di Scienze Dermatologiche Università degli Studi di Firenze, Firenze


PDF  


Obiettivo. Scopo del presente lavoro è valutare l’efficacia clinica e la tollerabilità di un prodotto cosmetico per uso topico composto da principi attivi sia idrosolubili che liposolubili in grado di svolgere una duplice azione: antinfiammatoria e antiradicalica immediata e prolungata nel tempo, sia nella dermatite da contatto (allergica e aggressiva diretta) sia nell’eritrosi.
Metodi. In una casistica di 40 pazienti (29 con una dermatite da contatto e 11 con una eritrosi del volto) abbiamo valutato l’efficacia clinica e la tollerabilità di un prodotto cosmetico per uso topico in grado di svolgere una attività antinfiammatoria. Sono stati valutati parametri clinico-morfologici (secchezza-ruvidità, desquamazione, infiltrazione) e soggettivi (prurito o bruciore) prima e dopo l’applicazione biquotidiana del prodotto cosmetico in studio per 15 giorni.
Risultati. Nei pazienti con dermatite da contatto tutti i parametri clinici hanno manifestato un netto miglioramento, in particolare la desquamazione. Nei pazienti con eritrosi la componente eritematosa si riduceva in maniera significativa già dopo 7 giorni e più marcatamente dopo 15. Per quanto riguarda la sintomatologia soggettiva, nei pazienti con dermatite da contatto il prurito subiva una riduzione significativa dopo 7 giorni e continuava a ridursi nella settimana successiva, mentre nei pazienti con eritrosi la sensazione di bruciore subiva una riduzione dopo 7 giorni per scomparire dopo 15. Nessuno dei pazienti ha dimostrato sensibilizzazione da contatto nei confronti dei componenti del prodotto. La valutazione di gradevolezza risultava buona.
Conclusioni. Riteniamo che gli ottimi risultati ottenuti siano in gran parte correlati alla presenza: 1) dei derivati della glicirrizina capaci di inibire il rilascio di mediatori come istamina, serotonina, bradichinina e la liberazione di radicali dell’ossigeno; 2) della carnosina cloruro ed ascorbile tetraisopalmitato capaci di inibire i radicali idrossidrilici e superossido; 3) dei fosfolipidi capaci di ripristinare la coesione intercorneocitaria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail