Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 Giugno;138(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 Giugno;138(3):251-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 Giugno;138(3):251-6

lingua: Inglese, Italiano

Cheratosi lichenoide cronica: presentazione di un caso e revisione della letteratura

Menaguale G., Fazio R., Passarelli F., Fazio M.

Istituto Dermopatico dell’Immacolata IRCCS of Rome, Rome, Italy


PDF  


La cheratosi lichenoide cronica è una rara dermatosi cronica, progressiva, di eziologia sconosciuta, caratterizzata da papule lichenoidi ipercheratosiche con tipica distribuzione lineare o reticolare in corrispondenza delle estremità e del tronco, da placche eritemato-desquamative verrucose e da un’eruzione del volto che simula una dermatite seborroica. La dermatosi coinvolge frequentemente le mucose orale e genitale, gli occhi, le regioni palmo-plantari e le unghie. La terapia è difficile e spesso deludente.
È ancora oggetto di discussione se questa malattia sia una variante del lichen planus. La cheratosi lichenoide cronica è molto simile al lichen planus sia clinicamente che istologicamente; alcuni Autori considerano le 2 malattie varianti di uno stesso processo. Comunque, noi siamo in accordo con la maggior parte degli Autori che considerano la cheratosi lichenoide cronica una entità distinta, poiché vari aspetti clinici come la dermatite del volto, la compromissione oculare, la resistenza alla terapia steroidea sistemica, la rarità del prurito, l’assenza del tipico pterigio ungueale e del coinvolgimento del cavo orale devono essere considerate caratteristiche distintive.
Segnaliamo il caso di una paziente di 50 anni che presentava placche cheratosiche a disposizione lineare in corrispondenza del dorso dei piedi e papule lichenoidi a distribuzione reticolare a livello delle cosce. La diagnosi di cheratosi lichenoide cronica era evidente sia sul piano clinico che istologico. La terapia con una pomata a base di calcipotriolo e glicol-propilene in soluzione al 60% portava a un notevole miglioramento delle lesioni.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail