Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 Giugno;138(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 Giugno;138(3):243-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse

Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0392-0488

Online ISSN 1827-1820

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 Giugno;138(3):243-6

 CASI CLINICI

Lichen sclerosus con aspetti istopatologici simili allo stadio precoce della micosi fungoide

Citarella L. 1,2, Massone C. 1,3, Chimenti S. 2, Kerl H. 1, Cerroni L. 1

1 Dipartimento di Dermatologia Università degli Studi di Graz, Graz, Austria
2 Clinica Dermatologica Università degli Studi di Roma «Tor Vergata», Roma
3 DISEM, Sezione di Dermatologia Università degli Studi di Genova, Genova

Obiettivo. La micosi fungoide (MF) è un linfoma cutaneo a cellule T caratterizzato negli stadi precoci da un infiltrato a banda nel derma superficiale con epidermotropismo di linfociti T senza particolari atipie. Sebbene nei casi tipici il quadro clinicopatologico sia diagnostico, alcune malattie infiammatorie cutanee possono simulare gli aspetti istologici della MF nello stadio precoce. Le più conosciute tra queste malattie cutanee benigne sono il reticuloide attinico, la dermatite da contatto linfomatoide, l’eruzione da farmaci linfomatoide e la cosiddetta cheratosi linfomatoide.
Metodi. In questo studio presentiamo 3 pazienti con un quadro clinico diagnostico di lichen sclerosus (LS) (M:F=3:0; età media: 22,6 anni; età mediana: 8 anni; intervallo: 7-53), che all’esame bioptico mostravano caratteristiche istologiche simili a quelle della micosi fungoide nello stadio precoce.
Risultati. L’esame istologico evidenziava in tutti i pazienti un denso infiltrato linfocitario disposto a banda nel derma superficiale con esocitosi di linfociti negli strati inferiori dell’epidermide. Alcuni linfociti intraepidermici mostravano il cosiddetto «nucleo con alone» ed erano focalmente allineati lungo la membrana basale dell’epidermide, come descritto per la MF. In 1 caso le caratteristiche intraepidermiche erano reminiscenti di quelle della reticulosi pagetoide. Il derma papillare era espanso e mostrava fibre collagene di spessore aumentato, probabilmente rappresentanti aspetti sclerotici mascherati dal denso infiltrato infiammatorio, che richiamavano l’aspetto delle fibre collagene osservate nelle lesioni della MF. Gli aspetti istologici tipici del LS erano pressoché assenti o erano presenti solo focalmente. L’analisi del riarrangiamento del gene codificante per il TCR, effettuata in tutti i casi per mezzo della metodica PCR, ha evidenziato un pattern policlonale in 2 casi e monoclonale in 1.
Conclusioni. Abbiamo descritto 3 pazienti con una variante istopatologica di LS simulante la MF nello stadio precoce. Specialmente nei casi in cui si rileva con la PCR una popolazione monoclonale di linfociti T, è essenziale avere appropriate informazione cliniche e una correlazione clinicopatologica per evitare di classificare erroneamente queste lesioni.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina