Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 Febbraio;138(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 Febbraio;138(1):47-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2003 Febbraio;138(1):47-8

lingua: Inglese

I rischi della medicina tradizionale cinese

Massone C., Parodi A., Rebora A.

Section of Dermatology, Department of Endocrinologic and Metabolic Diseases, University of Genoa, Genoa, Italy


PDF  


La sindrome di Sweet può essere idiopatica o associata a neoplasie, infezioni, farmaci e gravidanza. Agenti esogeni possono anche indurre la patologia attraverso il meccanismo della patergia. Descriviamo un caso di sindrome di Sweet indotta dall’applicazione di Balsamo di tigre, un composto costituito da oli essenziali, menta e mentolo molto usato come analgesico topico nella medicina tradizionale cinese.
Una paziente di 70 anni si è presentata con febbre e una eruzione papulo-pustulosa a entrambe le mani insorta 3 giorni dopo l’applicazione, nelle stesse sedi, di Balsamo di tigre. Gli esami di laboratorio hanno evidenziato un aumento della VES: 82 mm/ora, positività della proteina C reattiva, leucocitosi con neutrofilia (GB 15180/mm3, neutrofili 79%). Il patch test risultava negativo. La nostra paziente presenta 1 criterio maggiore e 2 criteri minori per porre diagnosi di Sindrome di Sweet. È un caso unico di Sindrome di Sweet secondaria all’applicazione di un prodotto della medicina alternativa.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail