Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2002 Giugno;137(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2002 Giugno;137(3):189-92

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2002 Giugno;137(3):189-92

lingua: Italiano

Malattia di Meleda. Descrizione di un caso

Solaroli C. 2, Albertazzi D. 1, Cervetti O. 1

1 Dipartimento di Discipline Medico-Chirurgiche Sezione Dermatologia II Università degli Studi di Torino, Torino
2 I Divisione Dermatologia Ospedaliera


PDF  


La Malattia di Meleda (Keratoderma palmoplantaris transgrediens) è una forma di cheratodermia palmo-plantare relativamente rara (oltre 50 casi descritti in Letteratura). La malattia, caratterizzata da ipercheratosi delle superfici palmari e plantari compare poco dopo la nascita e progressivamente (progrediens) coinvolge altri distretti cutanei (transgrediens).
Riportiamo il caso di una donna di 31 anni, nata da genitori consanguinei, che presentava, sin dai 3 mesi di età, lesioni eritemato-squamose sulle superfici palmo-plantari accompagnate da iperidrosi. Al quinto dito della mano sinistra, era presente un cercine fibrotico a tipo pseudo-ainhum.
Vengono discusse le caratteristiche cliniche obbligatorie e facoltative della malattia e la diagnostica differenziale; lo pseudo-ainhum rappresenta una rara complicanza delle cheratodermie recessive.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail