Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2002 April;137(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2002 April;137(2):145-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2002 April;137(2):145-8

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Tufted hair folliculitis. Descrizione di un caso e revisione della Letteratura

Rosina P., Chieregato C., Zambelli Franz C., Miccolis D., D’Onghia F. S.

Università degli Studi - Verona Sezione di Dermatologia e Venereologia Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgiche


PDF  


La tufted hair folliculitis è una rara forma di follicolite del capillizio che esita in alopecia cicatriziale, generalmente secondaria ad un’infezione da Staphylococcus aureus. Il nome deriva dalla presenza di ciuffi di capelli a bambola che fuoriescono da un unico ostio follicolare. Questa manifestazione clinica non è però esclusiva dell’infezione stafilococcica, ma sembra essere secondaria a diverse patologie infiammatorie che interessano il cuoio capelluto ed esitano in alopecia cicatriziale. Il trattamento di questa patologia, a tipico andamento cronico-recidivante, è di solito piuttosto difficoltoso e spesso deludente.
Descriviamo il caso di un uomo di 38 anni, giunto alla nostra attenzione con chiazze alopeciche al vertice, associate a ciuffi di capelli «a bambola» e a lesioni eritemato-desquamative diffuse.
L’istologia evidenziava una follicolite ed una perifollicolite superficiale con infiltrato misto linfo-granulocitario e fusione in un unico ostio follicolare di diversi follicoli piliferi.
Sulla base del tampone cutaneo positivo per Staphylococcus aureus e dell’antibiogramma, il paziente eseguiva terapia con Doxiciclina per os e acido fusidico topico con scomparsa della componente eritemato-desquamativa. Per il mantenimento fu utilizzato uno shampoo a base di acido salicilico per l’azione cheratolitica e antisettica. Dopo 1 anno di follow-up non si sono più presentate manifestazioni flogistiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail