Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2002 Aprile;137(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2002 Aprile;137(2):73-83

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2002 Aprile;137(2):73-83

 REVIEWS

Studio della cute in vivo mediante fluorescenza UV

Nikiforos K., Brancaleon L. *

From the Johnson & Johnson, Consumer Product Worldwide, Skillman, NJ, USA
*Department of Dermatology and Photobiology Unit, Ninewells Hospital and Medical School, Dundee, Scotland

In questo lavoro vengono descritti i principi generali della spettroscopia cutanea in vivo mediante autofluorescenza (AFS). La spettroscopia mediante autofluorescenza viene attualmente considerata una promettente tecnica di indagine di tipo non invasivo. L’AFS viene generata esaminando i tessuti mediante l’ausilio della luce ultravioletta o di quella visibile. Una parte delle radiazioni luminose viene assorbita dalle molecole fluorescenti (o cromofore) naturalmente presenti nel tessuto (cosiddette endogene). La combinazione della fluorescenza di queste molecole dà origine allo spettro di autofluorescenza. Questo può essere registrato usando uno spettrometro provvisto di una fibra ottica con due estremi, dei quali il distale viene posto a contatto con la superficie cutanea. Poiché le molecole cromofore endogene possono subire alterazioni in conseguenza di anomalie tissutali, l’AFS può essere utilizzata per rivelare la presenza di affezioni che si manifestano a livello cutaneo o per seguirne l’evoluzione. In questo lavoro vengono esaminati i principi generali che regolano le proprietà ottiche e la fluorescenza dei tessuti. Vengono poi descritti le molecole cromofore presenti nella cute e il loro spettro di fluorescenza, nonché gli spettri di emissione e di eccitazione della cute «normale». Infine, vengono passati in rassegna i lavori che hanno avuto come argomento l’applicazione dell’AFS allo studio delle alterazioni cutanee conseguenti all’invecchiamento, alla cronica esposizione alla luce e all’insorgenza di lesioni neoplastiche.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina