Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2002 February;137(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2002 February;137(1):49-51

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2002 February;137(1):49-51

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La prevenzione delle micobatteriosi non tubercolari

Delfino M., Detoraki A., Delfino G., Nino M.

Università degli Studi di Napoli «Federico II» - Napoli Clinica Dermatologica


PDF  


Le micobatteriosi non tubercolari sono affezioni determinate da micobatteri con caratteristiche colturali e immunologiche diverse da quelle dei micobatteri della tubercolosi e della lebbra. I micobatteri non tubercolari sono, di solito, acquisiti da fonti ambientali (acqua, suolo) e possono essere distribuiti in numerosi ambienti, di solito, come saprofiti o commensali, piuttosto che come patogeni. Per un’adeguata prevenzione risulta di notevole importanza identificare i soggetti più a rischio: le persone che lavorano nel campo sanitario, alimentare, nei servizi di pulizia, nel settore agricolo; i possessori di acquari (in particolare con pesci tropicali), i frequentatori di piscine o di acque non salate, i pazienti che hanno subito interventi chirurgici o con difetti dell’immunità cellulo-mediata, i pazienti con AIDS. Presentiamo il caso più recente di micobatteriosi da Mycobacterium marinum in un paziente possessore di un acquario domestico con pesci tropicali per discutere i rapporti delle micobatteriosi con l’immunosoppressione, le terapie di scelta e i mezzi di prevenzione contro tali infezioni. Non disponendo di un vaccino nei confronti di tali batteri e considerato l’incremento di tali infezioni, specialmente tra i giovani, per la prevenzione delle micobatteriosi, è auspicabile una migliore educazione sanitaria e viene consigliato l’uso di mezzi di protezione (come guanti, stivali di gomma, ciabatte, ecc.) negli ambienti di lavoro o svago a maggior rischio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail