Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 December;136(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 December;136(6):463-70

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

LINEE GUIDA  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 December;136(6):463-70

lingua: Italiano

Linee Guida al trattamento della psoriasi con ciclosporina A. Stato dell’arte

Cassano N., Colombo D. *, Vena G. A.

Università degli Studi di Bari Dipartimento di Clinica Medica, Immunologia e Malattie Infettive Unità di Dermatologia
IDI, IRCCS, Roma Istituto Dermopatico dell’Immacolata
* Novartis Farma S.p.A., Origgio (VA)


PDF  


L’uso della ciclosporina A nella psoriasi si è ormai consolidato dopo circa 15 anni di esperienza e dopo le numerose testimonianze a favore della sua efficacia e tollerabilità.
La ciclosporina A è un prodotto molto maneggevole e ben accettato dai pazienti, tanto da essere considerato di prima scelta nelle forme gravi di psoriasi. Gli schemi di trattamento della psoriasi con ciclosporina vanno personalizzati in base alle necessità del paziente, impostando la scelta non solo valutando i rischi e gli effetti collaterali, ma anche l’efficacia e gli effetti sulla qualità di vita. Oggi vi è la tendenza anche verso l’uso di ciclosporina A in forme meno gravi, caratterizzate da una resistenza marcata ai trattamenti topici convenzionali e da un importante deterioramento della qualità della vita. L’impiego in queste forme viene di solito effettuato a bassi dosaggi con cicli intervallati, magari associando un trattamento topico per ottenere una risposta più rapida. Il ricorso a schemi terapeutici intervallati si sta sempre più diffondendo anche grazie agli indubbi vantaggi che esso offre: migliore tollerabilità, maggiore compliance, riduzione dei costi.
Il trattamento con ciclosporina A è solitamente ben tollerato, quando ci si attiene alle comuni raccomandazioni. Gli effetti collaterali, tempo- e dose-dipendenti, sono in genere di lieve entità, ben controllabili con la riduzione del dosaggio e reversibili dopo la sospensione del trattamento.
In questo articolo, verranno fornite essenzialmente delle linee guida pratiche, focalizzando l’attenzione sulla selezione del paziente, i possibili schemi di trattamento, gli effetti collaterali e la loro gestione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail