Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Dicembre;136(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Dicembre;136(6):453-5

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Dicembre;136(6):453-5

lingua: Inglese

Su di un caso di carcinoma neuroendocrino primitivo (Merkeloma) insorto sulla palpebra di una giovane donna

Miracco F., Miracco C. *, Schürfeld K. *, D’Aniello C. **, Grimaldi L. **, Pirtoli L. ***

From the Dipartimento di Scienze Oftalmologiche
* Institute of Pathological Anatomy and Istology
** Unit of Plastic Surgery
*** Institute of Radiotherapy
University of the Study, Siena


PDF  ESTRATTI


Il carcinoma neuroendocrino cutaneo (Merkeloma) è una neoplasia poco frequente, in genere degli anziani. Riportiamo un caso insorto eccezionalmente sulla palpebra superiore destra di una giovane donna di 31 anni. Il danno solare, stati di immunodeficienza e l’arsenicismo cronico figurano tra i principali moventi eziologici. Nel nostro caso altri fattori devono aver determinato l’insorgenza del tumore, data la mancanza di danno solare, di immunosoppressione o di esposizione ad arsenico. In particolare, la forte espressione della p-53, del c-myc e della Bcl-2 ci suggeriscono che una cattiva regolazione dei rispettivi geni possa nel nostro caso aver svolto un importante ruolo eziopatogenetico.

inizio pagina