Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Dicembre;136(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Dicembre;136(6):435-44

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEWS  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Dicembre;136(6):435-44

lingua: Italiano

Matrix metalloproteinases and their interaction with adhesion molecules in human melanoma

Hofmann U. B., Westphal J. R. *, Van Muijen G. N. P. *, Bröcker E.-B.

From the Department of Dermatology Julius-Maximilians University Würzburg, Germany
* Department of Pathology University Medical Center St. Radboud Nijmegen, The Netherlands


PDF  


La degradazione della matrice extracellulare (ECM), l’adesione delle cellule tumorali, il distacco da altre cellule tumorali e dalla ECM sono tappe fondamentali dell’invasione tumorale e della formazione delle metastasi. Tutti questi processi dipendono dalla espressione coordinata di enzimi proteolitici e di molecole di adesione. Numerosi studi hanno analizzato il ruolo cruciale delle metalloproteinasi della matrice (MMPs), i loro specifici inibitori tessutali (TIMPs), e le molecole che regolano la loro espressione e/o attivazione nei melanociti in progressione tumorale. Recenti risultati hanno indicato che le molecole di adesione come le integrine alfabeta3, e i CD44 sono coinvolti nel posizionare molecole MMP attivate sulla superficie cellulare delle cellule tumorali invasive. Questo articolo valuta il ruolo delle MMPs e dei TIMPs, e le interazioni tra MMPs individuali e le molecole di adesione cellulare nel melanoma umano.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail