Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Ottobre;136(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Ottobre;136(5):329-33

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Ottobre;136(5):329-33

lingua: Inglese

Radioterapia dopo asportazione chirurgica incompleta di carcinomi cutanei a cellule basali e squamose: esperienza in 87 casi senza obiettività clinica

Caccialanza M., Piccinno R., Bottelli S., Franchi C.

From the Servizio di Fotoradioterapia, Istituto di Scienze Dermatologiche dell’Università, Ospedale Maggiore IRCCS, Milano


PDF  


Obiettivo. I carcinomi cutanei a cellule basali e squamose, che risultano asportati chirurgicamente in modo incompleto dall’accertamento istologico ma che non presentano un’evidenza clinica di malattia, costituiscono un problema terapeutico di non facile soluzione. Scopo dello studio è stato quello di valutare se la radioterapia fosse o no un trattamento sicuro ed efficace per distruggere le cellule neoplastiche residue e prevenire e/o ridurre l’insorgenza di recidive clinicamente apprezzabili.
Metodi. A questo fine è stato effettuato uno studio retrospettivo su 87 pazienti (77 con carcinomi a cellule basali e 10 con carcinomi a cellule squamose), che sono stati sottoposti a radioterapia con ortovoltaggi nel periodo compreso tra il 1982 e il 1999. Le dosi totali somministrate sono state comprese tra 50 e 60 Gy. Il follow-up medio è stato di 46,37 mesi, pianificato mediante un primo controllo 1 mese dopo il termine della radioterapia, poi mediante un controllo ogni 6 mesi per 5 anni ed in seguito mediante un controllo una volta l’anno. Il cure-rate è stato calcolato secondo il metodo delle tavole di sopravvivenza.
Risultati. Il cure-rate a 5 anni dal termine della radioterapia è risultato del 90,4%. Si sono avute 5 recidive, tutte di carcinomi a cellule basali, 2 centrali e 3 periferiche rispetto al campo di irradiazione. I risultati estetici sono stati valutati come buoni o accettabili nell’81% dei casi. Non si sono avute complicazioni nè sequele al trattamento.
Conclusioni. La radioterapia si è dimostrata un trattamento sicuro, efficace e dal costo ridotto nell’approccio terapeutico di questo tipo di neoplasie cutanee.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail