Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Aprile;136(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Aprile;136(2):123-34

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEWS  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Aprile;136(2):123-34

lingua: Italiano

Cute e diabete

Bongiorno M. R., Cannatella L., Aricò M.

Università degli Studi - Palermo Istituto di Clinica Dermosifilopatica


PDF  


Il diabete mellito è una malattia metabolica caratterizzate da iperglicemia a causa di un difetto della secrezione di insulina o per alterata funzione di essa. L’iperglicemia cronica nel tempo determina danni a vari organi quali rene, nervi, cuore, occhi e cute.
Nel maggio 1995 un comitato di esperti internazionali ha riesaminato e proposto una nuova classificazione del diabete mellito su base eziopatogenetica. Pertanto, il diabete mellito viene classificato come segue: 1) diabete di tipo 1 che si divide in diabete immunomediato e idiopatico; 2) diabete di tipo 2 che va dall’insulino-resistenza con relativa insulino-deficenza a difetto predominante della secrezione e resistenza all’insulina; 3) altri tipi specifici di diabete, per difetti genetici della funzione delle b-cellule, per difetti genetici della funzione dell’insulina, per malattie esocrine del pancreas, per endocrinopatie, per infezioni, ecc.; 4) diabete mellito gestazionale. Le complicanze del diabete mellito sono acute e croniche. Fra quelle croniche fondamentalmente si ascrivono le microangiopatie, le neuropatie associate, e le macroangiopatie. Le ipotesi attualmente proposte per comprendere i meccanismi attraverso i quali l’iperglicemia determina le complicanze sono: la via del sorbitolo, la glicazione non enzimatica, lo stress ossidativo.
Nei pazienti con alterato metabolismo insulinico si può osservare un ampio spettro di disordini cutanei. Le manifestazioni cutanee del diabete mellito si possono classificare in: affezioni dermatologiche strettamente dipendenti dalla malattia metabolica e quindi espressione dei processi degenerativi cronici (dermopatia diabetica, eritema e lesioni eresipelo-simili, lesioni bollose, ispessimento della cute, scleredema adultorum, piede diabetico, xantomi), manifestazioni cutanee causate dallo sconvolgimento metabolico acuto (infezioni), disordini dermatologici che si accompagnano al diabete mellito (necrobiosis lipoidica diabeticorum, acanthosis nigricans) ed infine lesioni cutanee indotte dalla terapia per la malattia metabolica (lipoatrofia).

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail