Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Febbraio;136(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Febbraio;136(1):59-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2001 Febbraio;136(1):59-62

lingua: Italiano

Miofibromatosi infantile (A proposito di un caso clinico)

Bandini P., Passarini B., Patrizi A., Varotti C., Pasquinelli G. *

Università degli Studi - Bologna Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Sezione di Clinica Dermatologica (Direttore: Prof. C. Varotti)
*Unità Operativa di Anatomia Patologica Sezione di Diagnostica Strutturale


PDF  


Gli Autori descrivono il caso di una bambina di 5 mesi che presentava, da circa 3 masi, a livello dell’arco plantare sinistro, una placca eritematodesquamativa di consistenza dura, del diametro di 3 cm, indolente.
Tale lesione, escissa chirurgicamente, mostrava all’esame istologico in microscopia elettronica, noduli dermici costituiti da fasci di miofibroblasti, fibroblasti e cellule muscolari lisce, immersi in una matrice intercellulare di proteoglicani e fibre collagene: l’indagine immunoistochimica evidenziava positività per actina e vimentina, negatività per desmina e proteina S-100: caratteristiche compatibili con diagnosi di miofibroma.
Tale patologia rientra nell’ambito della miofibromatosi infantile, che può avere un coinvolgimento anche viscerale (nella forma generalizzata), o interessare solo cute ed osso.
In quest’ultimo caso possono essere presenti noduli multipli o solitari, che spesso regrediscono spontaneamente entro i 2 anni.
Nella paziente descritta indagini strumentali (Rx del torace e dello scheletro, ecografia addominale) e laboratoristiche (esami ematologici di routine) nella norma, hanno dimostrato la unicità della lesione.
Gli Autori discutono sulla reale natura delle cellule coinvolte nel processo proliferativo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail