Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 December;135(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 December;135(6):711-3

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 December;135(6):711-3

lingua: Italiano

Lipoatrofia semicircolare (Descrizione di un caso e revisione della letteratura)

Cecchi R., Bartoli L., Brunetti L., Giomi A.

ASL 3 - Ospedale di Pistoia - U.O. di Dermatologia


PDF  


La lipoatrofia semicircolare è una peculiare varietà di lipoatrofia localizzata, caratterizzata dalla comparsa di depressioni «a banda», orizzontali, semianulari sulle superfici antero-laterali delle cosce, spesso disposte in modo bilaterale e simmetrico. L’affezione colpisce per lo più il sesso femminile, con maggiore incidenza fra i 20 ed i 40 anni, ed è di regola asintomatica. Le lesioni si sviluppano piuttosto rapidamente e tendono a risolvere spontaneamente fra i 9 mesi ed i 4 anni, anche se sono stati segnalati casi di maggiore durata e possibili recidive. Gli Autori descrivono il caso di una donna di 23 anni, giunta alla nostra osservazione per la presenza di due depressioni semianulari, che si erano sviluppate circa 4 mesi prima sulla superficie antero-laterale della coscia sinistra, in modo del tutto asintomatico. La cute coinvolta non mostrava segni di flogosi, né indurimenti. La paziente riferiva che durante la propria attività di segretaria, quando si alzava dalla sedia o accavallava le gambe urtava spesso contro il bordo della scrivania, proprio in corrispondenza di tali depressioni cutanee. L’affezione è completamente risolta nell’arco di 9 mesi. Dall’osservazione di questo caso viene passata in rassegna la letteratura più recente sull’argomento, sottolineati gli aspetti clinico-patologici e diagnostico-differenziali dell’affezione ed infine discussa la sua eziopatogenesi, alla luce delle ipotesi attualmente più accreditate.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail