Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Archivio > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Dicembre;135(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Dicembre;135(6):683-6

ULTIMO FASCICOLO   ARCHIVIO   EPUB AHEAD OF PRINT   I PIÙ LETTI   eTOC

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Dicembre;135(6):683-6

 

    CASI CLINICI

Linfoma T primitivo cutaneo a grandi cellule CD30+ associato a parapsoriasi a piccole chiazze

Gambini D., Ghislanzoni M., Alessi E., Berti E. *

Università degli Studi - Milano e Milano Bicocca* IRCCS Ospedale Maggiore - Milano
* Ospedale S.Gerardo - Monza (Milano)

Viene riportato un linfoma T primitivo cutaneo a grandi cellule CD30+, a rapido sviluppo, insorto sul primo dito della mano sinistra in un maschio di 55 anni che da circa 1 anno presentava al tronco anche una forma non diagnosticata di parapsoriasi in piccole chiazze.
L’analisi molecolare con PCR ha dimostrato riarrangiamento clonale del TCR-g su DNA estratto dal linfoma con negatività del sangue periferico e della cute parapsoriasica. Gli esami ematochimici, l’ecografia addominale, la biopsia osteomidollare e la TAC addominale e toracica sono risultati nella norma.
L’associazione tra parapsoriasi e linfoma T primitivo cutaneo a grandi cellule CD30+ è molto rara ma non sorprendente, perché entrambe le entità sono abitualmente indice di proliferazione del linfocita CD4+ e possono pertanto essere considerate espressioni diverse dello stesso spettro di un’unica malattia.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina