Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Ottobre;135(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Ottobre;135(5):593-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Ottobre;135(5):593-6

lingua: Italiano

Edema emorragico acuto infantile (malattia di Finkel-stein) (Presentazione di due casi clinici)

Pezzarossa E., Lazzari G. B.

Azienda Istituti Ospitalieri di Cremona Divisione Dermatologica


PDF  


Segnaliamo due casi di Edema Emorragico Acuto Infantile (EEAI) rilevati a quattro anni di distanza uno dall’altro.
L’EEAI viene oggi considerata una distinta forma di vasculite leucocitoclasica che si manifesta prima dei due anni d’età, caratterizzata da manifestazioni cutanee peculiari: lesioni eritemato-edematose, purpuriche con disposizione «a coccarda», localizzate prevalentemente agli arti e al volto.
L’ipotesi patogenetica più accreditata ritiene che l’EEAI potrebbe essere mediato da immunocomplessi circolanti generati in risposta ad agenti infettivi o farmacologici.
La malattia ha carattere autolimitante e il decorso non sembra essere influenzato dalla eventuale terapia cortisonica generale. In entrambi i nostri casi la drammaticità dell’obiettività dermatologica contrastava con le buone condizioni generali caratterizzate solo transitoriamente da infezioni intercorrenti.
La dermatite iniziava dopo un’infezione del tratto respiratorio superiore trattata con antibiotici.
Il quadro sintomatologico si risolveva nell’arco di tre settimane ed il successivo follow-up non evidenziava alcuna recidiva.
L’interesse nei confronti di questa rara manifestazione è giustificato per i delicati problemi di diagnosi differenziale che si pongono nei confronti di altre vasculiti, in particolare verso la porpora di Schonlein-Henoch.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail