Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 October;135(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 October;135(5):569-78

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 October;135(5):569-78

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Terapia del sarcoma di Kaposi classico

Masia I. M., Satta R., Rosella M., Montesu M. A., Masala M. V., Cottoni F.

Università degli Studi - Sassari Istituto di Clinica Dermatologica (Direttore: Prof. D. Cerimele)


PDF  


Obiettivo. Differenti approcci terapeutici sono utilizzati nel Sarcoma di Kaposi classico (SKC): trattamenti locali, indicati per lesioni uniche e localizzate e trattamenti sistemici per lesioni estese e viscerali. Revisione delle diverse terapie, sia locali che sistemiche. Viene riportata la farmacocinetica, il dosaggio ed effetti collaterali dei chemioterapici più utilizzati. Infine breve accenno sulle prospettive terapeutiche future. Viene, inoltre riferita la nostra esperienza relativa all’utilizzo di alcuni chemioterapici, nel periodo 1990-1995.
Metodi. In 20 pazienti affetti da SKC (17 M e 3F) venivano utilizzati 3 diversi schemi terapeutici. In 10 pazienti veniva utilizzata bleomicina 15 mg e.v./settimana, in 9 pazienti vincristina/vinblastina 1 volta la settimana, alternate per un totale di 6-8 cicli e in 1 paziente etoposide 100 mg per os, per 5-7 gg consecutivi, ogni 21 giorni. Successivamente, 4 dei pazienti inseriti in precedenti protocolli di trattamento, venivano sottoposti a trattamento con etoposide.
Risultati. Valutando la risposta complessivamente ottenuta con i tre trattamenti, inserendo nel computo anche i 4 pazienti sottoposti a duplice trattamento, abbiamo ottenuto 14 parziali remissioni (PR), 2 complete remissioni (CR), 4 nessuna risposta (NR), 1 progressione (P) e 3 non valutabili (NV). Il periodo di remissione variava da 3 mesi a 4 anni per i pazienti trattati con bleomicina, a 3 mesi-1 anno per i soggetti trattati con alcaloidi della vinca e a 3-6 mesi per i pazienti trattati con etoposide.
Conclusioni. Sulla base della nostra esperienza in accordo a quella di altri Autori, riteniamo i farmaci, attualmente impiegati nella terapia del SKC, efficaci nel controllo della sua evoluzione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail