Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 August;135(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 August;135(4):487-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 August;135(4):487-9

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Sclerodermia lineare a «colpo di sciabola»: presentazione di un caso e revisione della letteratura

Tosti A., Iorizzo M., Piraccini B. M., Lorenzi S., Vincenzi C.

Università degli Studi - Bologna Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale Sezione di Clinica Dermatologica (Direttore: Prof. C. Varotti)


PDF  


La sclerodermia a «colpo di sciabola» è una varietà di sclerodermia lineare che si manifesta con una banda sclerotica paramediana localizzata al volto e al cuoio capelluto, dove può causare un’area di alopecia cicatriziale.
È tipicamente una malattia dell’infanzia che predilige il sesso femminile e la razza bianca. L’eziologia è sconosciuta e la patogenesi è ancora incerta. Sembra che ci sia una predisposizione genetica alla base dello sviluppo della malattia e che un trauma o un’attivazione autoimmunitaria siano i responsabili della comparsa delle manifestazioni cliniche. Vengono qui visionate le più recenti teorie riguardanti la patogenesi della sclerodermia lineare, dai disordini immunitari alle alterazioni vascolari.
Presentiamo inoltre un caso clinico di una paziente di 20 anni affetta da sclerodermia a «colpo di sciabola» che è stata trattata con successo con calcitriolo orale per un periodo di 8 mesi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail