Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 August;135(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 August;135(4):469-73

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 August;135(4):469-73

lingua: Italiano

Sindrome di Sweet (Descrizione di 10 casi)

Aste N., Pau M., Loddo G., Biggio P.

Università degli Studi - Cagliari Clinica Dermatologica (Direttore: Prof. P. Biggio)


PDF  


La sindrome di Sweet o dermatosi acuta febbrile neutrofila è caratterizzata da placche e noduli eritematosi, dolenti, ad insorgenza acuta al viso, collo, arti e tronco accompagnati abitualmente da febbre, malessere generale e leucocitosi neutrofila. I rilievi istopatologici documentano costantemente un denso infiltrato dermico di granulociti neutrofili, frequente leucocitoclasia ed assenza di vasculite. Caratteristica è l’estrema sensibilità alla terapia corticosteroidea. In circa il 10-15% dei casi la sindrome di Sweet si associa a patologia neoplastica ed in particolare a disordini mieloproliferativi.
Vengono descritti 10 casi di sindrome di Sweet, 4 maschi e 6 femmine, osservati dal 1988 al 1999 presso la Clinica Dermatologica dell’Università di Cagliari. In 9 casi non è stata riscontrata nessuna associazione con altre patologie mentre in un caso è stata documentata la presenza di una linfoadenopatia granulomatosa necrotizzante. Gli Autori, nell’analizzare la casistica, riportano alcune considerazioni epidemiologiche, cliniche e terapeutiche quale contributo alla conoscenza di questa non frequente condizione morbosa.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail