Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Giugno;135(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Giugno;135(3):393-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

NOTE DI TERAPIA  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Giugno;135(3):393-7

lingua: Italiano

Cidofovir: un promettente trattamento topico per le dermatosi virali in pazienti con AIDS

Calista D., Boschini A. *, Romio S. **, Landi G.

Ospedale «M. Bufalini» - Cesena Unità Operativa di Dermatologia
** Farmacia - Azienda USL
* Centro Medico «San Patrignano» - San Patrignano (Rimini)


PDF  


Il cidofovir è un nuovo farmaco antivirale ad esclusivo uso ospedaliero, indicato per la terapia delle retiniti da citomegalovirus resistenti a gancyclovir e foscarnet. L’attività farmacologica del cidofovir si esplica su un largo spettro di virus a DNA: adeno, herpes, irido, hepadna, papova e poxvirus.
Abbiamo sperimentato tale approccio terapeutico in 3 pazienti affetti da AIDS e da dermatosi virali resistenti ai comuni trattamenti fisici e farmacologici. Il primo paziente era affetto da lesioni piane da HPV delle labbra, il secondo da verruche piane disseminate del volto, il terzo da molluschi contagiosi del capo e del collo. Il cidofovir, veicolato in crema 1%, è stato applicato sulle lesioni 2 volte al giorno per 2 settimane. Il farmaco si è dimostrato particolarmente attivo inducendo una remissione completa e prolungata delle manifestazioni cutanee fino a 6 mesi dal termine del trattamento. La risposta terapeutica non è stata particolarmente rapida ed i risultati sono apparsi meglio valutabili entro 4 settimane dal termine del ciclo terapeutico. Inoltre, il farmaco ha indotto un’irritazione locale di grado variabile, con esiti pigmentari a lenta risoluzione.
In considerazione dell’elevato costo del principio attivo e della necessità di una collaborazione assoluta del paziente, è opportuno consigliare l’applicazione del prodotto topico solo a pazienti che offrano un’elevata compliance e che non si siano giovati di trattamenti convenzionali correttamente eseguiti. La nostra segnalazione, seppur favorevole, non deve far dimenticare la necessità di studi controllati in grado di confermare l’efficacia di tale prodotto, di precisarne la concentrazione e la composizione più efficace ed infine di valutare il rischio di effetti indesiderati ancora non dimostrati dalla limitata casistica finora esaminata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail