Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Giugno;135(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Giugno;135(3):315-21

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Giugno;135(3):315-21

 ARTICOLI ORIGINALI

Efficacia di un nuovo prodotto cosmetico per la xerosi cutanea (Risultati di una ricerca corneometrica)

Mei S., Amato L. E., Gallerani I., Perrella E., Melli M. C., Fabbri P.

Università degli Studi - Firenze Dipartimento di Scienze Dermatologiche Clinica Dermatologica II (Direttore: Prof. P. Fabbri)

Obiettivo. La xerosi cutanea è un quadro di frequente riscontro clinico, determinato da un’alterata funzione barriera dello strato corneo. In questa condizione morbosa la cute si presenta ruvida al tatto, arida, lievemente desquamante e talvolta mostra sottili microragadi superficiali.
Obiettivo del lavoro è stato la valutazione della capacità idratante di un prodotto cosmetico contenente ceramidi allo 0,2% insieme ad altri principi attivi (in particolare urea ed acido lattico).
Metodi. Lo studio è stato effettuato in un gruppo di 17 soggetti affetti da diverse forme di xerosi cutanea in un gruppo di controllo di 7 soggetti sani di pari età e sesso con un corneometro CM 420.
Il protocollo di ricerca prevedeva di eseguire la sperimentazione in corrispondenza dell’avambraccio, e di controllare l’idratazione cutanea dopo 30, 60, 180 minuti dall’applicazione del prodotto in esame.
Risultati. Il prodotto in esame si è rivelato capace di aumentare in modo statisticamente significativo i valori corneometrici dell’area cutanea esaminata, sia nei soggetti in esame, sia nella casistica di controllo già dopo 30 minuti. Questi valori rimanevano ancora significativi dopo 180 minuti.
Conclusioni. Da questa preliminare sperimentazione emerge in modo significativo, la capacità idratante del prodotto cosmetico esaminato, che è presumibilmente correlabile sia alla presenza di ceramidi che di acido lattico capaci di stimolare in vivo e in vitro la sintesi di ceramidi da parte dei cheratinociti.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina