Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Febbraio;135(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Febbraio;135(1):107-14

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

NOTE DI TERAPIA  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 Febbraio;135(1):107-14

lingua: Italiano

Trattamento della psoriasi con un’associazione antisettica, in confronto doppio cieco verso eosina

Leigheb G., Gallus D., Spano G.

Università degli Studi - Sassari Clinica Dermatologica (Direttore: Prof. G. Leigheb)


PDF  ESTRATTI


Introduzione. L’eosina, in soluzione acquosa al 2%, viene frequentemente impiegata nel trattamento topico della psoriasi. Con questo studio si è voluto verificare se l’associazione eosina al 2% + cloroxilenolo allo 0,3%, in soluzione idroglicolica, produca effetti diversi o meno rispetto a quelli della soluzione di eosina al 2% nella terapia della psoriasi.
Metodi. Sono stati reclutati 40 pazienti di entrambi i sessi e di età compresa tra 8 e 74 anni, affetti da psoriasi delle pieghe (inversa) in fase attiva, per lo più associata a psoriasi in sedi classiche. La casistica è stata ripartita in modo random in due gruppi di 20 pazienti ciascuno, trattati separatamente con un’applicazione/die delle due soluzioni antisettiche per 2-4 settimane.
Risultati. L’associazione eosina + cloroxilenolo si è dimostrata efficace in quanto ha prodotto un miglioramento progressivo della sintomatologia sino alla sua remissione nella maggior parte dei pazienti, senza differenze cliniche e statistiche rispetto all’eosina (p>0,05). Tuttavia, l’associazione antisettica ha evidenziato a carico della psoriasi inversa un’attività più rapida rispetto a quella del preparato di riferimento: al termine della 1a settimana di terapia, infatti, le frequenze di remissione ottenute con l’associazione sono risultate clinicamente e statisticamente più elevate (p <0,01) ed hanno comportato una riduzione media di 2 giorni del periodo di trattamento.
Conclusioni. L’efficacia terapeutica dell’associazione, accompagnata ad un’eccellente tollerabilità, consente di utilizzare il preparato con sicurezza anche nei trattamenti cronici o ricorrenti su ampie superfici cutanee, come nella psoriasi.

inizio pagina