Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 February;135(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 February;135(1):101-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

NOTE DI TERAPIA  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 February;135(1):101-5

lingua: Italiano

Valutazione clinica e strumentale dell’attività terapeutica di un vasoprotettore contenente vitamina PP, vitamina C ed estratti fitoterapici titolati in escina, bromelina, antocianosidi* nella cura delle ulcere flebopatiche degli arti inferiori

Turio E., Romanelli M., Barachini P.

Università degli Studi - Pisa Sezione Dermatologia e Venereologia Dipartimento di Patologia Sperimentale, Biotecnologie Mediche, Infettivologia ed Epidemiologia


PDF  


Obiettivo. Le ulcere croniche degli arti inferiori conseguenti ad insufficienza venosa rappresentano un carico sociale nel quadro dell’assistenza sanitaria nazionale. Anche se il ruolo dell’ipertensione venosa nella genesi di queste lesioni appare ben codificato, risultano ancora non chiari i meccanismi microcircolatori che rendono il processo di riparazione tessutale a lento decorso. L’obiettivo di questo studio è stato quello di valutare l’efficacia e la tollerabilità di un vasoprotettore nella cura delle ulcere flebopatiche.
Metodi. È stato eseguito uno studio prospettico randomizzato per una durata di otto settimane. Sono stati arruolati 20 soggetti con caratteristiche omogenee per età, sesso, superficie di lesione e con evidenza clinica e strumentale di insufficienza venosa cronica. I pazienti sono stati seguiti con cadenza settimanale presso l’ambulatorio delle ulcere croniche della Clinica Dermatologica dell’Università di Pisa e randomizzati in due gruppi in base alla terapia: G1 (n=10) vasoprotettore, medicazione occlusiva, elastocompressione e G2 (n=10) medicazione occlusiva, elastocompressione. Durante lo studio sono stati valutati parametri soggettivi: intensità dolore, parestesie, senso di pesantezza e parametri oggettivi: intensità edema, area di lesione, analisi gas trans-cutanei (O2 - CO2).
Risultati. Al termine dello studio è stata riscontrata una marcata riduzione della sintomatologia soggettiva riguardante il dolore e le parestesie ed un incremento della perfusione tessutale di O2 nel gruppo G1 rispetto al G2. Non sono emerse differenze significative tra i due gruppi nei rimanenti parametri.
Conclusioni. Il prodotto indagato in questo studio ha mostrato una buona tollerabilità ed efficacia nell’attenuare i sintomi clinici correlati alla insufficienza venosa. L’effetto positivo dei principi attivi sulla tensione transcutanea di ossigeno conferma un’azione diretta in ambito microcircolatorio, che può favorevolmente modulare il processo di riparazione tessutale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail