Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 February;135(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 February;135(1):49-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEWS  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2000 February;135(1):49-62

lingua: Italiano

Meccanismi di base dell’infiammazione cutanea. Esempi e conseguenze terapeutiche

Giusti F., Giannetti A.

Università degli Studi - Modena Istituto di Clinica Dermatologica


PDF  


Questa review prende in esame i meccanismi cellulari e molecolari che sono alla base dell’infiammazione cutanea. In particolare si analizzano tre diversi modelli fisiopatologici: psoriasi, dermatite atopica e dermatite allergica da contatto. Numerose osservazioni e dati sperimentali, ottenuti sia nell’uomo che nell’animale, evidenziano che tutti i componenti cellulari della cute sono coinvolti, in modo più o meno diretto, nel processo flogistico, in cui, mediante complesse cooperazioni di rete, svolgono le loro specifiche funzioni.
I diversi costituenti del sistema immunitario cutaneo sono, infatti, soggetti ad un reciproco controllo, basato sostanzialmente su interazioni di membrana e sulla produzione di molecole solubili, peptidiche e non, la cui attività è finemente modulata a livello recettoriale e post-recettoriale. La risposta infiammatoria riflette dunque l’effetto cumulativo di numerosi processi biochimici e di attività cellulari, strettamente interconnessi.
Una conoscenza più precisa di tali meccanismi può portare a nuove ipotesi di intervento farmacologico e al conseguente sviluppo di opzioni terapeutiche innovative e mirate.
In particolare il pattern citochinico, espresso localmente nelle diverse patologie infiammatorie cutanee, è attualmente bersaglio di molti progetti di drug-design. La disponibilità di molecole ricombinanti, di anticorpi monoclonali neutralizzanti, di antagonisti recettoriali e la possibilità di modulare l’espressione citochinica a livello genico hanno interessanti implicazioni cliniche, consentendo di manipolare le risposte immuno-flogistiche e quindi di ripristinare gli equilibri cellulari e molecolari della cute.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail