Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Ottobre;134(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Ottobre;134(5):497-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Ottobre;134(5):497-9

lingua: Italiano

Fenomeno di Meyerson

Pazzaglia M., Ghetti E., Fanti P. A.

Università degli Studi - Bologna, Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale, Sezione di Clinica Dermatologica


PDF  


La comparsa di una dermatite eczematiforme attorno ad un nevo melanocitico fu riportata per la prima volta da Meyerson nel 1971. Descriviamo due pazienti con «fenomeno di Meyerson». L’esame istologico della lesione della nostra paziente mostrava un nevo melanocitico intradermico, alla periferia della lesione si notava, bilateralmente la presenza di paracheratosi, spongiosi ed exocitosi a carico dell’epidermide. Nel derma papillare era presente un infiltrato di media densità costituito da linfociti e rari granulociti eosinofili. Alcuni granulociti eosinofili erano presenti anche nell’epidermide.
Le cause che determinano il fenomeno di Meyerson sono sconosciute. In questo articolo vengono prese in considerazione le diverse ipotesi patogenetiche. La nostra interpretazione è che questo fenomeno non sia così raro, che si tratti di una reazione non specifica che non modifica la prognosi del nevo o di qualsiasi altra lesione dermatologica interessata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail