Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Ottobre;134(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Ottobre;134(5):489-92

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse

Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0392-0488

Online ISSN 1827-1820

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Ottobre;134(5):489-92

 CASI CLINICI

Elastolisi del derma medio

Di Lernia V. 1, Gelli M. C. 2, Voltolini V. 1, Bisighini G. 1

1 Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia, Arcispedale S. Maria Nuova, Divisione di Dermatologia;
2 Servizio di Anatomia ed Istologia Patologica

La mid-dermal elastolysis (MDE) è una rara patologia acquisita del tessuto elastico che colpisce prevalentemente donne di età media ed è caratterizzata clinicamente dalla comparsa di aree cutanee di aspetto finemente rugoso, localizzate per lo più agli arti, spalle e tronco con scarsa tendenza alla progressione. Le manifestazioni cliniche sono espressione di danno delle fibre elastiche del derma medio: l’istologia intatti è caratterizzata da frammentazione e assenza delle fibre elastiche in banda esclusivamente in corrispondenza del derma medio, con risparmio del derma papillare e di quello reticolare profondo. La diagnosi differenziale si pone con le altre forme di elastolisi acquisita. Gli A. riportano il caso di una donna di 35 anni che presentava a livello delle superfici laterali delle braccia la presenza di fini rugosità lineari, parallele, meglio evidenti con il sollevamento degli arti. L’esame istologico evidenziava l’assenza delle fibre elastiche esclusivamente a livello del derma medio. Il trattamento locale con acido retinoico e acido glicolico non determinava risultati significativi, a parte un lieve miglioramento nelle lesioni di comparsa più recente. Il caso è inquadrabile nella MDE, tipo I secondo la classificazione di Trueb. La terapia con acido retinoico, suggerita da alcuni Autori, non portava in questo caso a risultati clinicamente apprezzabili.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina