Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Ottobre;134(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Ottobre;134(5):485-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse

Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0392-0488

Online ISSN 1827-1820

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Ottobre;134(5):485-8

 CASI CLINICI

Pioderma gangrenoso. Descrizione di un caso associato a rettocolite ulcerosa in un adolescente

Pestelli E., Battini M. L., Caproni M., Fabbri P.

Università degli Studi - Firenze, Istituto di Clinica Dermatologica II

È giunta alla nostra osservazione una ragazza di 14 anni che presentava a livello degli arti e dei glutei delle lesioni eritemato-nodulari di diametro variabile da (0,5 a 6 cm) che evolvevano in ulcere con bordi sottominati, fondo purulento, circondate da un anello violaceo-brunastro. Gli esami di routine rivelavano una anemia (Hb 9,6 g/dl) con ipoalbuminemia, un incremento della VES e della PCR. Altri esami (colturale su materiale prelevato dal fondo dell’ulcera, autoanticorpi organo e non-organo specifici, Rx torace, Rx colon per clisma) risultavano tutti nella norma. L’esame istologico confermava la prospettata diagnosi clinica di pioderma gangrenoso (PG) e veniva instaurata una terapia steroidea (prednisone 1 mg/kg/die) che determinava un lieve miglioramento iniziale delle lesioni cutanee. Dopo circa due mesi sono comparse artralgie alle articolazioni interfalangee delle mani, alle ginocchia e alle caviglie associate ad una riacutizzazione del quadro clinico. Veniva quindi associata alla terapia steroidea la ciclosporina (3 mg/kg/die) senza tuttavia ottenere risoluzione né della sintomatologia cutanea, né delle artralgie. Dopo circa 6 mesi dall’esordio del PG la paziente veniva ricoverata con urgenza per la comparsa improvvisa e drammatica di febbre elevata, vomito, diarrea imponente con sangue rosso vivo nelle feci. Veniva eseguita una colonscopia e diagnosticata una rettocolite ulcerosa che per l’estensione e la gravità delle lesioni intestinali rendeva necessario un intervento di colectomia totale.
Il PG è una malattia estremamente rara in età pediatrica e solo il 4% dei pazienti ha un’età inferiore ai 15 anni. Nei bambini il PG è associato a interessamento sistemico nel 74% dei casi e più frequentemente a colite ulcerosa.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina