Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Agosto;134(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Agosto;134(4):343-5

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Agosto;134(4):343-5

lingua: Italiano

Erythema dyscromicum perstans. Descrizione di un caso

Bardazzi F., Orlandi C., Rizzoli L., Varotti C.

Università degli Studi - Bologna, Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale, Sezione di Clinica Dermatologica


PDF  ESTRATTI


Gli Autori presentano un caso di erythema dyscromicum perstans osservato in una paziente sudamericana di 67 anni.
Al momento della nostra osservazione la paziente presentava chiazze di colorito grigiastro, alcune circondate da un alone eritematoso periferico, agli arti superiori, inferiori e al tronco. L’esame istologico ha evidenziato un tipico quadro di erythema dyscromicum perstans.
L’erythema dyscromicum perstans descritto da Ramirez nel 1957 come «dermatosis cenicienta» o «ashy dermatosis» è sempre stata una patologia discussa, di origine sconosciuta, spesso correlata al lichen planus pigmentosus.
Dallo studio istologico e clinico delle lesioni gli Autori ritengono che l’erythema dyscromicum perstans sia una entità nosologica ben distinta.

inizio pagina