Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Aprile;134(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Aprile;134(2):89-93

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse

Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0392-0488

Online ISSN 1827-1820

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Aprile;134(2):89-93

 ARTICOLI ORIGINALI

La teletermografia nello studio della sclerodermia localizzata e sistemica. Risultati preliminari in 19 casi.

Piccinno R. 2, Menni S. 1, Passoni E. 1, Marzano A. V. 1, Caccialanza M. 2

1 Institute of Dermatologic Sciences of University, Ospedale Maggiore ­IRCCS, Milan;
2 Department of Photoradiotherapy, Ospedale Maggiore ­IRCCS, Milan

Introduzione. La tele­ter­mo­gra­fia (TTG) a rag­gi infra­ros­si è una metod­i­ca non inva­si­va che per­mette lo stu­dio del­la dis­trib­uzi­one ter­mi­ca cut­an­ea in con­diz­i­o­ni nor­ma­li o patolo­giche.
Metodi. Dal momen­to che la val­u­taz­i­one obiet­ti­va ­del-l’evoluzione ­delle lesio­ni scler­o­der­miche pre­sen­ta ­difficoltà, abbi­a­mo stu­di­a­to 18 pazien­ti affet­ti da ­diverse ­forme cli­niche del­la mal­at­tia con la tele­ter­mo­gra­fia, effet­tu­a­ta con un appa­rec­chio AGA Thermovision 782 (Agema Infrared System). In quat­tro pazien­ti ­tale inda­gine veni­va rip­e­tu­ta ­dopo il trat­ta­men­to.
Risultati. I risul­ta­ti appar­i­va­no par­tic­o­lar­mente influen­za­ti dal gra­do di atro­fia e lipoa­tro­fia, dal­la dura­ta ­delle lesio­ni e dal­la pre­sen­za di dan­no vas­co­lare, ­anche se non costan­te­mente. In due dei quat­tro pazien­ti rie­sam­i­na­ti con TTG ­dopo il trat­ta­men­to, il quad­ro ter­mo­graf­i­co appa­ri­va mod­ifi­ca­to con buo­na cor­re­laz­i­one con la ris­pos­ta clin­i­ca del­la mal­at­tia.
Conclusioni. I risul­ta­ti pre­lim­i­na­ri di ques­to stu­dio indi­ca­no che la tele­ter­mo­gra­fia a rag­gi infra­ros­si è in gra­do di ­dare infor­maz­i­o­ni sul dec­or­so di ­alcune ­forme di scler­o­der­mia e sul­la ­loro ris­pos­ta ­alla tera­pia. Tale metod­i­ca di inda­gine ­potrebbe affi­an­care van­tag­gio­sa­mente ­l’ecografia cut­an­ea con ­sonde ad ­alta fre­quen­za inte­gran­done i risul­ta­ti.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina