Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Febbraio;134(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Febbraio;134(1):57-60

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Febbraio;134(1):57-60

 CASI CLINICI

Tumore di Bednar. Dermatofibrosarcoma protuberans pigmentato

Passarini B. 1, Lehmann J. 1, Varotti E. 1, Fanti P. A. 1, Pasquinelli G. 2

1 Università degli Studi - Bologna, Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale - Sezione di Clinica Dermatologica;
2 Servizio di Patologia e Diagnostica Ultrastrutturale Dipartimento di Patologia Sperimentale

Il dermatofibrosarcoma protuberans è una neoplasia rara di origine dermica.
In un 5% dei casi contiene melanociti dendritici ed è conosciuta come dermatofibrosarcoma protuberans pigmentato o tumore di Bednar.
Gli Autori descrivono il caso di un uomo di 31 anni con una placca in lento accrescimento in sede sacrale.
L’esame istologico mostra una neoformazione formata da cellule fusate e da cellule dendritiche pigmentate che interessa il derma e l’ipoderma, ma che non raggiunge l’epidermide.
Gli Autori discutono il problema della istogenesi del dermatofibrosarcoma protuberans pigmentato e concludono per l’ipotesi istogenetica dualistica della neoformazione, basandosi su studi ultrastrutturali e sull’esame immunocitochimico.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina