Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Febbraio;134(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Febbraio;134(1):11-5

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Febbraio;134(1):11-5

 ARTICOLI ORIGINALI

Malattie a trasmissione sessuale tra gli stranieri a Bologna

D'Antuono A., De Tommaso S., Calderoni O., Negosanti M.

Università degli Studi - Bologna, Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale, Sezione di Dermatologia

Obiettivo. L’aumento di immigrati nel nostro paese ha posto le basi per uno studio più approfondito delle MTS in questa popolazione.
Metodi. Nel periodo gennaio 1992-maggio 1997, sono stati osservati presso il Centro MTS di Bologna 316 pazienti extracomunitari, affetti da MTS o con richieste specifiche di esami di profilassi per MTS. Presso il nostro Centro MTS, aperto al pubblico nelle mattine dei giorni feriali, le visite sono senza appuntamento e gratuite a tutti i cittadini comunitari e non.
Risultati. Dai dati rilevati emerge che gli uomini rappresentano il 67,4%: tra questi la MTS maggiormente incidente è risultata l’uretrite gonococcica (21,4%). Le donne sono il 32,6%: le infezioni più frequenti sono le cervico-vaginiti non gonococciche (32,7%). Tra i maschi la comunità più rappresentativa è quella marocchina in cui la MTS più frequente è l’uretrite gonococcica; scarso è l’uso del condom. La comunità più numerosa tra le donne è quella russa, in cui la MTS più frequente è la cervico-vaginite non gonococcica; l’uso del condom è frequente. I casi di sieropositività per HIV sono complessivamente 5.
Conclusioni. È importante avere dati aggiornati che segnalino le eventuali variazioni dei trend epidemiologici in questa popolazione, non solo per l’aggiornamento dei protocolli diagnostici e terapeutici, ma per valutare l’adeguatezza e l’accessibilità dei servizi sanitari offerti e per poter disporre di dati utili per la prevenzione delle MTS e dell’infezione da HIV.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina