Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Febbraio;134(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Febbraio;134(1):3-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1999 Febbraio;134(1):3-6

lingua: Italiano

Pseudo-nevi blu negli artigiani della filigrana d’argento

Stradini D. 1, Gambini C. 2, Desirello G. 1, Crovato F. 1

1 Ospedali Riuniti USL 4 - Chiavari, Divisione Dermatologica ;
2 Istituto Gaslini - Genova, Servizio di Anatomia Patologica


PDF  


Introduzione. Scopo del lavoro è stato quello di verificare incidenza e caratteristiche, negli artigiani della filigrana d’argento, di un insolito quadro precedentemente già descritto in letteratura in un caso e caratterizzato dalla presenza di lesioni simili a nevi blu.
Metodi. Gli Autori hanno condotto una vasta ricerca a carattere clinico: sono stati complessivamente valutati 65 artigiani della filigrana d’argento a Campoligure, culla di tale lavorazione in Italia. In un caso, è stata effettuata la biopsia di una grossa lesione della coscia.
Risultati. In oltre la metà dei casi è stata osservata la presenza di lesioni simili a nevi blu; sedi più spesso coinvolte le mani e gli avambracci, con dimensioni delle lesioni variabili da pochi millimetri sino ad un massimo di 0,5 centimetri.
La biopsia ha confermato trattarsi di un quadro di argiria localizzata a carattere professionale.
Conclusioni. La revisione della letteratura sull’argomento ha consentito di meglio definirne l’istogenesi e di precisarne il principale interesse. Ciò sembrerebbe risiedere nel fatto che una microscheggia di filigrana d’argento di pochi micron arrivi a produrre lesioni cutanee grandi fino a 0,5 cm, grazie ad un meccanismo di eliminazione centrifugo dei microgranuli del metallo. Questi, trascinati dal fluido interstiziale, scorrono lungo le fibre elastiche verso le venule e le ghiandole sudoripare eccrine, ove restano intrappolati a livelli di siti anionici delle membrane basali, arrivando a coprire una superficie ben più grande del frammento iniziale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail