Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 Dicembre;133(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 Dicembre;133(6):425-9

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 Dicembre;133(6):425-9

lingua: Italiano

Pemfigo ad esordio anomalo

Ridolfi R., Mattutini G., Ricotti G., Nicolini M., Cataldi I.

Università degli Studi - Ancona, Clinica Dermatologica


PDF  ESTRATTI


Il pemfigo volgare è una dermatosi a patogenesi autoimmune solitamente di facile diagnosi. Si caratterizza, infatti, per diversi aspetti clinici (età di insorgenza, sedi interessate e morfologia delle singole lesioni) che il più delle volte indirizzano verso la diagnosi, confermata poi dagli studi di MO ed IFD. In alcuni casi, però, questo aspetto classico non viene rispettato ed anzi un esordio bizzarro e del tutto infrequente può fuorviare il dermatologo anche per molto tempo.
Descriviamo il caso di un paziente di 35 anni, giunto alla nostra attenzione per la presenza di lesioni pustolo-bollose periunguali non dolenti, localizzate sia alle mani che ai piedi. Queste lesioni esordite circa un anno prima a livello di un alluce erano state interpretate come psoriasi pustolosa e trattate senza successo con etetrinato e PUVA-terapia. Per circa un anno queste sono state le uniche manifestazioni della malattia.
La comparsa, durante il ricovero, di lesioni erosive al cavo orale, ci ha fatto ipotizzare la diagnosi di pemfigo; lo studio in MO ed in IFD ha confermato tale l’ipotesi.
La somministrazione di betametasone in associazione con azatioprina ha portato ad un rapido miglioramento delle lesioni ed alla guarigione clinica in circa 30 giorni.
Il caso viene segnalato per la sede d’esordio periunguale del tutto inusuale (solo un caso precedentemente descritto in letteratura) che unitamente alla relativa giovane età del nostro paziente ha indotto per molto tempo in errore diagnostico.
Vengono inoltre discusse le recenti acquisizioni sulla etiologia del pemfigo.

inizio pagina