Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 Ottobre;133(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 Ottobre;133(5):333-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 Ottobre;133(5):333-6

lingua: Italiano

Isotretinoina ed acne grave: esperienza personale in tema di recidive dopo un lungo periodo di follow-up

Bettoli V., Lombardi A. R., Pazzaglia M., Virgili A.

Università degli Studi - Ferrara, Clinica Dermatologica


PDF  


Introduzione. Gli Autori di questo studio si prefiggono l’obiettivo di apportare ulteriori dati sull’incidenza e sui fattori favorenti la comparsa delle recidive di acne dopo trattamento con isotretinoina e di migliorare l’impostazione del protocollo terapeutico rifacendosi al concetto di dose cumulativa totale (DCT).
Metodi. Questo studio è stato eseguito in 32 pazienti affetti da acne nodulo-cistica e/o conglobata trattati con isotretinoina per via orale. I risultati clinici ottenuti e le recidive dopo un lungo periodo di follow-up sono stati correlati con i dati della letteratura.
Risultati. Al termine del trattamento tutti i pazienti erano guariti. Durante il periodo di follow-up di 1-9 anni (media 5,2 anni) 7 dei 32 pazienti (22%) presentarono una recidiva. In base a recenti dati della letteratura è stata calcolata la dose cumulativa totale (DCT). Correlando quest’ultima con le recidive si è osservato che i pazienti che avevano assunto una DCT inferiore a 100 mg/kg presentavano recidive più precoci e gravi rispetto a quelli che avevano ricevuto una DCT compresa tra 100 e 150 mg/kg.
Conclusioni. Gli Autori sottolineano l’importanza del raggiungimento della DCT di almeno 100 mg/kg per ridurre frequenza e gravità delle recidive. La giovane età dei pazienti, la presenza di microcisti e di alterazioni ormonali nelle donne in accordo con la maggior parte degli Autori sono indicati come una possibile causa di aumentata incidenza di recidive.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail