Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 October;133(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 October;133(5):325-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 October;133(5):325-7

lingua: Italiano

Modulazione del metabolismo del leucotriene B4 prodotto dai granulociti polimorfonucleati umani da parte di naftifina

Campanile G. 1, Ludovici M. 2, Bianchi B. 1, Difonzo E. M. 1

1 Università degli Studi - Firenze, Istituto di Clinica Dermosifilopatica;
2 Dipartimento di Farmacologia Preclinica e Clinica


PDF  


Obiettivo. Considerando il ruolo dei granulociti neutrofili nell’infezione dermatofitica, l’eventuale azione antinfiammatoria di un farmaco antimicotico, soprattutto topico, contribuisce notevolmente alla sua efficacia terapeutica in particolare in caso di dermatofitosi intensamente flogistiche. Abbiamo studiato l’attività antinfiammatoria della naftifina indagando la sua azione sul metabolismo dei leucotrieni di granulociti neutrofili umani.
Metodi. I granulociti sono stati stimolati per 15’ con calcio ionoforo A 23187 in presenza del farmaco. La valutazione della quantità di leucotriene B4 è stata eseguita sottoponendo il supernatante a cromatografia a fase inversa.
Risultati. I risultati hanno dimostrato chiaramente che la naftifina inibisce il rilascio da parte dei granulociti neutrofili del leucotriene B4 a partire dalla concentrazione di 6,4 µ/ml con una totale inibizione a valori di farmaco pari a 640 µ/ml.
Conclusioni. Rimane da chiarire quali enzimi siano in gioco in questa attività. Infatti l’ipotesi del sistema del citocromo P450, avanzata per i derivati azolici, non viene giustificata nel caso della naftifina che non esplica alcuna azione a questo livello.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail