Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 Giugno;133(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 Giugno;133(3):163-70

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 Giugno;133(3):163-70

lingua: Italiano

Malattie cutanee in bambini con infezione da HIV

Patrizi A. 1, Neri I. 1, Trestini D. 1, Ricci G. 2, Masi M. 2

1 Università degli Studi - Bologna, Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale;
2 Unità complessa di Scienze Pediatriche, Mediche Chirurgiche, III Clinica Pediatrica


PDF  


Introduzione. La sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) in età pediatrica viene attualmente riconosciuta come una entità clinica separata e distinta rispetto all’AIDS negli adulti. La maggior parte dei bambini contrae l’infezione attraverso la trasmissione del virus dalla madre infetta. Molte manifestazioni dermatologiche sono state associate con la sindrome nell’infanzia: infezioni da Candida albicans, da dermatofiti, da virus del mollusco contagioso, da herpes simplex e zoster, infezioni batteriche, neoplasie e disordini cutanei iperproliferativi. In genere tali infezioni cutanee tendono ad essere più gravi e meno sensibili alle terapie convenzionali, rispetto ai bambini sani immunocompetenti.
Obiettivo. Presentiamo la nostra esperienza sulle manifestazioni muco-cutanee in pazienti in età pediatrica con infezione da virus HIV o con sindrome da immunodeficienza acquisita.
Metodi. Quattordici bambini infettati verticalmente con il virus HIV, sono stati studiati attraverso il numero di infociti CD4+, il rapporto CD4+/CD8+ e la presenza di malattie muco-cutanee.
Risultati. La severità delle manifestazioni dermatologiche è correlata con lo stato immunitario del paziente. La severa deplezione dei linfociti CD4+ è associata con un vasto spettro di patologie ed un incremento della severità delle malattie dermatologiche.
Conclusioni. Nel nostro studio viene confermato che l’ampio spettro delle manifestazioni cutanee nei bambini con infezione da HIV è sovrapponibile a quello riportato in letteratura. Le patologie dermatologiche possono rappresentare una manifestazione d’esordio dell’infezione da HIV e dell’AIDS conclamato o possono anche essere utili per allertare il medico sul deterioramento delle difese immunitarie del paziente. Infatti le più gravi manifestazioni cutanee, che si dimostrano anche più resistenti alle terapie convenzionali, appaiono quando il numero dei linfociti CD4+ scende al di sotto di 200 cellule/mm3.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail