Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 Febbraio;133(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 Febbraio;133(1):63-7

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse

Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0392-0488

Online ISSN 1827-1820

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 1998 Febbraio;133(1):63-7

 NOTE DI TERAPIA

Ciclosporina A in associazione ad uno steroide nel trattamento del pemfigo e dei pemfigoidi. Nostra esperienza su 14 casi

D'Onghia F. S., Chieregao C.

Università degli Studi - Verona, Istituto di Dermatologia e Venereologia (Direttore: Prof. C. Chieregato)

Introduzione ed obiettivo. La ciclosporina (Cys) è un piccolo peptide lipofilo costituito da 11 aminoacidi, utilizzata per il suo potere immunosoppressivo nella prevenzione e nel trattamento del rigetto dei trapianti d’organo.
In dermatologia e utilizzata con ottimi risultati nella psoriasi, nel lichen ruber planus ed in molte altre dermatosi a sicura o a sospetta genesi immunomediata.
Per le sue proprietà immunosoppressive è stata impiegata da alcuni Autori anche nel trattamento delle dermatosi del gruppo del pemfigo e del pemfigoide sia in associazione ad uno steroide che in monoterapia.
Sulla base dei dati della letteratura e della nostra esperienza sull’uso della Cys in altre patologie dermatologiche abbiamo utilizzato un protocollo terapeutico che prevedeva l’uso di tale farmaco in associazione al prednisone nel trattamento di pazienti affetti da pemfigo o da pemfigoide.
Materiali e metodi. Lo studio è stato condotto su un gruppo di 14 pazienti, 9 affetti da pemfigo e 5 da pemfigoide, che giungevano presso il nostro Istituto tra il gennaio 1992 ed il giugno 1996. Il gruppo di studio includeva sia pazienti risultati resistenti a trattamenti precedenti, in particolare agli steroidi in monoterapia, sia pazienti in cui l’uso di steroidi ad alti dosaggi e per lunghi periodi di tempo poteva rappresentare una controindicazione per la concomitante presenza di patologie sistemiche come il diabete, l’osteoporosi, l’ulcera gastroduodenale, ecc.
Il protocollo terapeutico prevedeva l’uso del prednisone alla posologia di 1,2-2 mg/kg/die nei pazienti affetti da pemfigo e di 1-1,5 mg/kg/die nei pazienti con pemfigoide. La Cys veniva somministrata alla dose variabile dai 3 ai 5 mg/kg/die.
Risultati e conclusioni. L’uso di tale protocollo, se confrontato con altri studi in cui si prevedeva l’impiego dello steroide in monoterapia, ci ha permesso di ottenere un più rapido miglioramento del quadro clinico, una minore incidenza di recidive e l’utilizzo di dosi cumulative di steroidi significativamente più basse.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina